una passeggiata autunnale a Mantova

Mantova, Patrimonio Mondiale dell’Unesco, piccola ma interessantissima nonché molto graziosa città lombarda che sa anche della vicina Emilia e che vale veramente la pena, per coloro che ancora non l’hanno vista, di visitare quanto prima .

Torre dell’Orologio

Tutti i palazzi storici e le chiese sono racchiusi in un ambito molto contenuto e che si affronta facilmente a piedi, anche volendo spingersi fino a Palazzo Te. La parte centrale è caratterizzata da tre piazze collegate fra loro (Sordello, Broletto e Piazza delle Erbe) circondate da costruzioni storiche di vari periodi anche se buona parte dovute ai Gonzaga, padroni della città per quattro secoli a cavallo del cinquecento. Fra i capolavori assolutamente da non perdere ci sono gli affreschi del Mantegna nel Palazzo Ducale e le due chiese progettate da Leon Battista Alberti (Basilica di Sant’Andrea e Tempio di San Sebastiano). Io aggiungerei un altro palazzo alquanto originale e ricco che si trova nel passaggio fra il Palazzo della Ragione e Piazza Andrea Mantegna ovvero la casa-bottega del mercante Boniforte impreziosita da cornici di pregevole fattura. Molto avvincente la visita alla Rotonda di San Lorenzo una delle costruzioni più antiche e con una storia molto singolare.

Rotonda di San Lorenzo

Casa-bottega del mercante Boniforte

Duomo di San Pietro di Mantova

Palazzo Ducale

Tempio di San Sebastiano

http://www.comune.mantova.gov.it/index.php/scoprire-mantova-top/itinerari/mantova-citta-d-arte-e-cultura/268-il-percorso-del-principe

Camminando in centro a Mantova e volendo per così dire “mettere i piedi sotto la tavola”, io vado sempre senza esitazione al Cento Rampini che si trova proprio nel porticato del Palazzo della Ragione incastonato fra altri, a mio avviso meno blasonati, ristoranti. Fra i piatti vegetali della cucina mantovana spiccano i tortelli di zucca e amaretto, le mostarde di frutta e la torta sbrisolona. Anche la polenta qui è di casa. Da accompagnare sempre con il vinoso e vivace Lambrusco Mantovano, generalmente piuttosto scuro e abboccato.

http://ristorantecentorampini.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *