i colori del giardino d’inverno

Quando si pensa al giardino, nella stagione fredda, in genere lo si associa a qualcosa di spento, di brullo, di incolore. In molti casi non è così. Sicuramente l’attività delle piante si riduce quasi completamente in inverno (almeno nella mia zona climatica) ma alcune specie continuano invece a fiorire o a cambiare colore diventando alquanto accese e vive e raggiungendo, in alcuni casi, il loro massimo splendore.

Nandina domestica

Nel mio giardino, in questa stagione spiccano la mahonia e la nandina e non solo per la loro pronunciata rusticità. La prima ha grandi infiorescenze di colore giallo brillante, dei veri e propri “pennacchi” che in estate diventeranno bacche blu molto ricercate da merli e da altri uccelli che frequentano questi spazi verdi.

La nandina, originaria dell’Asia e molto amata in Giappone (dove viene chiamata “bambù celeste o sacro” e a cui si attribuisce la capacità di cancellare i brutti sogni), colpisce viceversa per i suoi frutti rossi e le foglie multicolori (rosa, rosse e viola), che risaltano fra una vegetazione per lo più spoglia.

Mahonia x media “Charity”

Cosa ci ricordano questi arbusti così attivi e determinati in una stagione dove la natura sembra riposare e aspettare? Sono la prova che anche quando le condizioni appaiono avverse e spingono verso la rassegnazione, l’attesa, l’indugio, si può viceversa darsi da fare, impegnarsi, partire con un nuovo progetto.

Il giardino d’inverno può inaspettatamente essere fonte di grande ispirazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *