alla ricerca del buon cibo a Bologna

Palazzo della Mercanzia

Bologna, capoluogo della regione Emilia-Romagna, città con infiniti elementi architettonici di epoche diverse ma che fondamentalmente ha per me una forte impronta medioevale.

Nel centro storico, che si può visitare a piedi senza grandi difficoltà, ci sono, in particolare, palazzi, chiese, monumenti di grande pregio e che sono diventati dei simboli iconici di questo luogo. A partire dalle due torri, entrambe leggermente pendenti, la Garisenda, quella più piccola e quella degli Asinelli (sulla quale si può anche salire) che ci ricordano che un tempo la città ne era piena. https://www.duetorribologna.com

Un edificio di grande bellezza e valore storico, che presenta diversi stili architettonici come il gotico e il romanico-lombardo, è il Palazzo della Mercanzia chiamato anche Loggia dei Mercanti o Palazzo del Carrobbio. Come recita il nome stesso, è sempre stato sede di organizzazioni e corporazioni legate al commercio. Oggi è infatti sede della Camera di Commercio.

Palazzo della Mercanzia (dettaglio)
Decorazioni in cotto

Il centro della città è la Piazza Maggiore con la contigua Piazza Nettuno dove si erge la famosa Fontana del Nettuno, un’imponente scultura cinquecentesca. Proprio di fronte a questa c’è il Palazzo Re Enzo dove si tengono spesso manifestazioni fieristiche ed eventi.

Fontana del Nettuno
Palazzo Re Enzo

Un’area che a volte sfugge ai visitatori più frettolosi e quella delle cosiddette Sette Chiese. Un complesso religioso di varie epoche storiche (ma sicuramente uno dei più antichi della città) e di grande fascino spesso indicato come Basilica di Santo Stefano. https://it.wikipedia.org/wiki/Basilica_di_Santo_Stefano_(Bologna)

Corte Isolani
Le Sette Chiese
Le Sette Chiese
Le Sette Chiese

Si può venire a Bologna per ammirare e godere di arte, architettura e cultura che sono praticamente dappertutto ma non si può trascurare o sminuire il valore che il cibo ha rappresentato da sempre nella vita quotidiana degli abitanti. È quasi impossibile mangiare male qui: anche la più piccola trattoria, osteria, bottega alimentare, serve, vende e propone prodotti di eccellenza.

Ci sono luoghi tuttavia dove questa esperienza diventa ancora più straordinaria e indimenticabile. Al primo posto dove perdersi alla ricerca del buon cibo metterei sicuramente il Pavaglione (che alcuni chiamano anche Quadrilatero), un quartiere, anzi un gruppo di stradine dove si possono passare diverse ore a degustare e acquistare prodotti unici e di qualità eccelsa. Si parte da Piazza Maggiore e si va verso il Portico del Pavaglione che è parte del Palazzo dei Banchi e si prende Via Clavature. Qui appaiono come d’incanto negozi, bar, trattorie e ristoranti come se fossero funghi. Come il Mercato di Mezzo, un insieme di attività dedicate alla gastronomia e che non si può trascurare e dove si possono fare acquisti per la dispensa ma anche mangiare divinamente. https://www.bolognawelcome.com/home/vivi/shopping/tipologia-di-acquisto/botteghe-storiche/mercato-di-mezzo/

Girando a sinistra per Via Drapperie, la festa continua. Fra banchi di frutta e verdura e negozi di alimentari, spunta il locale storico di Paolo Atti che è lì da sempre. Una gastronomia con più di 150 anni di storia nella piena tradizione bolognese con tanto di prodotti tipici, pane casereccio e pasta fatta a mano da sapienti sfogline. https://paoloatti.com

Di fronte c’è poi la Libreria Ambasciatori dove, mentre si cerca qualche bel libro, si ci può fermare a degustare qualche piatto da Eataly che ha alcuni punti di ristorazione all’interno. https://www.eataly.net/it_it/negozi/bologna/

Paolo Atti
Paolo Atti

Si potrebbe andare avanti all’infinito a celebrare l’amore per la buona cucina dei bolognesi. Chiudo aggiungendo un’altra chicca da non mancare. Prendendo Via Rizzoli che poi diventa Via Ugo Bassi (la strada principale del centro) e andando verso Porta San Felice si arriva al Caffè Pasticceria Gamberini, un locale storico più che centenario dove vale la pena prendersi un caffè accompagnato da qualche dolce artigianale. https://gamberini.eu

Chi non ne avesse ancora abbastanza, può fare un giro al Mercato delle Erbe che si trova più o meno dall’altra parte della strada. Qui, fra botteghe di frutta e verdura e altri prodotti del territorio si può anche mangiare praticamente di tutto e comodamente seduti a tavola nei vari bistrot del mercato. http://www.mercatodelleerbe.eu

Bologna, per gli appassionati del buon mangiare e del buon vivere, è imperdibile!

Pasticceria Gamberini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *